News

Stazioni rispettose del clima, con i riscaldamenti a pellet

Le FFS sono annoverate tra i più grandi proprietari immobiliari della Svizzera e per questo lavorano con grande impegno alla riduzione dell’impronta di CO2 dei propri edifici. I combustibili fossili devono essere eliminati al più presto.
In quest’ottica, i futuri interventi di risanamento delle stazioni e degli altri edifici riguarderanno la sostituzione di questi combustibili con soluzioni alternative più rispettose dell’ambiente, come il legno o il calore ambientale valorizzato con pompe di calore, risp. teleriscaldamenti. Nel 2019, 29 sedi hanno già convertito il proprio sistema di riscaldamento a vettori energetici rinnovabili. Parte di essi sono riscaldamenti a pellet, siccome molti edifici delle FFS sono monumenti protetti e necessitano un elevate temperature di mandata.
Sin dall’inizio del 2016, in occasione della costruzione o della sostituzione degli impianti di riscaldamento le FFS rinunciano a installare sistemi alimentati con combustibili fossili come l’olio da riscaldamento o il gas naturale. Più di 100 impianti sono già stati convertiti alle alternative energetiche più sostenibili, che hanno permesso di risparmiare ogni anno più di 1,3 milioni di litri di olio da riscaldamento e più di 3’500 tonnellate di CO2. A titolo di confronto basti pensare che con questi risparmi si possono riscaldare 500 abitazioni unifamiliari.

Intervista con Bruno Ulrich, responsabile del progetto sostenibilità delle FFS
Domande di Gregor Lutz, Energia legno Svizzera

Le FFS sono conosciute per il loro impegno in ambito di sostenibilità. Quali sono i pilastri della vostra strategia ambientale?
La nostra strategia ambientale segue diverse direzioni. Per esempio abbiamo deciso di impegnarci per contribuire all’offerta di trasporti e immobili sostenibili della Svizzera, garantire una catena di creazione di plusvalore responsabile ed efficiente ed assicurare i vantaggi ambientali nel trasporto di passeggeri e merci rispetto al trasporto su strada. Proprio il primo aspetto, per noi della Divisione immobili, rappresenta la linea guida per essere migliori rispetto agli standard comunemente validi.
Oltre che verso il pianeta, la nostra ampia sensibilità ambientale comprende anche un atteggiamento esemplare verso i nostri simili. Un esempio è la partecipazione all’iniziativa «Energia esemplare» della Confederazione, avviata nel 2013 dall’allora Consigliera federale Doris Leuthard.

Qual è l’obiettivo di FFS immobili in riferimento al riscaldamento rinnovabile?
Semplice, vogliamo rinunciare il più rapidamente possibile ai vettori energetici fossili come l’olio da riscaldamento o il gas. Con un parco immobiliare di oltre 3'500 edifici, è una sfida senza dubbio avvincente e stimolante.

Quanto è importante per le FFS l’utilizzo dell’energia del legno nell’intero contesto delle energie rinnovabili?
Molto importante. L’energia del legno è fondamentale per il nostro cammino verso la neutralità climatica.

In quali edifici le FFS immobili installano riscaldamenti a pellet o a cippato?
Non c’è un tipo di edificio preciso. Per ogni caso specifico viene optato per la migliore soluzione possibile e molto spesso la scelta cade sulla legna. Molti edifici delle FFS sono monumenti protetti, il che rende difficile agire a livello di coibentazione. Per questa ragione spesso le temperature di sistema non possono venir diminuite e di conseguenza il calore ambientale non rappresenta il vettore energetico ottimale, al contrario del legno, che risulta essere più adatto in queste situazioni.

Nell’acquisto del pellet prestate attenzione al marchio «Legno Svizzero»?
Le FFS sottostanno alla legislazione sugli acquisti pubblici e alle disposizioni dell’OMC. Limitarci al mercato svizzero non è quindi legale. Tuttavia abbiamo puntato su percorsi di consegna il più brevi possibili e di conseguenza possiamo impiegare una buona fetta di Swissness.

Come vengono gestiti l’esercizio e la manutenzione dei riscaldamenti a legna?
L’esercizio e la manutenzione sono garantiti dai colleghi della divisione FFS Facility Management.

Come sono fino ad ora le vostre esperienze con l’esercizio dei riscaldamenti a pellet e a cippato?
La sostituzione degli impianti a olio combustibile risp. a gas, il cui funzionamento non richiede praticamente nessun impegno, con un impianto a pellet, comporta un relativo aumento della gestione sul posto, in particolare in riferimento allo smaltimento della cenere. Tuttavia, l’impianto viene comunque ispezionato regolarmente, per cui la spesa aggiuntiva è limitata.

Gli utenti degli edifici di FFS immobili sanno se l’immobile da loro usato è riscaldato con un riscaldamento a pellet? Comunicate in modo attivo i vantaggi ecologici?
Questo è il nostro punto debole. In questo ambito infatti abbiamo ancora un grande margine di miglioramento. Investiamo molto nelle alternative rispettose del clima, ma il nostro lavoro di comunicazione è ancora troppo poco. Siccome dal 1° gennaio 2019 il 100% della nostra corrente per gli edifici (non la corrente di trazione) proviene da fonti rinnovabili, ogni stazione nella quale abbiamo sostituito un vecchio riscaldamento ad olio combustibile con un moderno impianto a pellet, è praticamente una stazione clima-neutrale. Dobbiamo senza dubbio comunicare in modo maggiore verso l’esterno questa nostra storia di successo.


Riscaldamenti a pellet - Esempi

Wädenswil
Utilizzo: Edificio della stazione e centro medico
Potenza 65 kW
Silo del pellet con pavimento inclinato, sonde di aspirazione e riscaldamento a pellet con accumulatore

Lucerna
Utilizzo: impianto di servizio per il trasporto di passeggeri: piccola manutenzione e impianto di lavaggio
Potenza 2 x 250 kW
Silo del pellet con sonde di aspirazione e riscaldamento a pellet con accumulatore

Henggart
Utilizzo: Negozio di biciclette, appartamento al primo piano e soffitta
Potenza 15 kW
Silo a sacco con sonde di aspirazione e riscaldamento a pellet con accumulatore

Questo testo è già apparso sul bollettino n. 71 di Energia legno Svizzera. Ringraziamo cordialmente Energia legno Svizzera e le FFS per averci permesso di pubblicare questo articolo.

Atilizziamo dei cookie sul nostro sito Web. Se rimane sul sito Web, accetta l'utilizzo dei cookie. Ulteriori dettagli sono disponibili nella nostra informativa sulla protezione dei dati personali.

Accettare